Chiamati alla missione, missionari per chiamata!

di Mattia Bahr, seminarista del I filosofia

Dal 14 al 17 aprile scorsi si è tenuto a Verona, presso il CUM (Centro Unitario per la cooperazione Missionaria tra le Chiese), il 60° Convegno Missionario dei seminaristi provenienti dai seminari di tutta Italia. È stata un’occasione di approfondimento sulla missione nella Chiesa, e di incontro fecondo tra ragazzi che, uniti dal medesimo desiderio, hanno condiviso suggestioni, aspettative e proposte.

L’esigenza della missione si fonda sulle parole di Gesù ai suoi: “come il Padre ha mandato me, così anch’io mando voi” (Gv 20, 21). Gli apostoli (cioè “gli inviati”), sentendo come primario questo appello di Gesù, fin da subito vi hanno risposto portando fino ai confini del mondo il Vangelo di Cristo, dando così vita alla comunità cristiana. Qui è il fondamento della missione. Leggi di più a proposito di Chiamati alla missione, missionari per chiamata!

Sei tu Gesù?

Un gruppo di giovani manager che avevano terminato una settimana di aggiornamento correva nei corridoi dell’ aeroporto. Era venerdì sera e tutti volevano rientrare a casa per il week-end. Erano in forte ritardo. Il loro volo era già stato chiamato da un po’. Stringevano valigette, biglietti e passaporti, correndo tra i corridoi dell’ aeroporto. All’improvviso, […]

Psicologia e vita spirituale: sinfonia a due mani

di don Giovanni De Ciantis, vicerettore biennio filosofico

Oggi si va diffondendo sempre più il desiderio profondo di comunione e di armonia i molti settori del nostro vivere quotidiano. A livello individuale vi è una ricerca ansiosa e compulsiva di equilibrio e di pace interiore che si raggiungono con difficoltà e solo con un certo stile di vita. A livello scientifico vi è il forte desiderio di conoscere le leggi che governano l’armonia tra le realtà fisiche-biologiche e realtà trascendenti. A livello filosofico e teologico si va alla ricerca di un principio unificatore in grado di mettere accordo tra tutte le scienze nei confronti della realtà oggettiva.

Quanto impegno e quanta fatica! E tutto ciò a quale “senso”? Cosa ci può suggerire? Leggi di più a proposito di Psicologia e vita spirituale: sinfonia a due mani

“LA MEGLIO GIOVENTÙ”: TORNARE INDIETRO PER ANDARE AVANTI.

di Salvatore Barretta, seminarista del III teologia

Commento ispirato al film “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana.

Nicola e Matteo Carati sono due fratelli nati e cresciuti in una famiglia della Roma degli anni ’60, studenti universitari che vivono e che vogliono vivere “la meglio gioventù”. Nicola, carattere estroverso, propositivo, ottimista, mente creativa, studia medicina per diventare psicanalista e per mettere a disposizione la propria abilità verso chi non ha un equilibrio di vita; Matteo, invece, più riservato, amante dei libri, vive nella riflessività degli eventi, fugge gli sguardi, parla poco e quando lo fa cerca dei punti fermi, come lui stesso confessa quando dice di “cercare regole da applicare”, per questo diventa poliziotto. Nicola, anche se intuisce le difficoltà del fratello, non comprende a pieno il suo disagio giudicante del mondo, così come non riesce ad afferrare quello della propria compagna e convivente, Giulia, che col tempo, appesantita dal ruolo predominante dello Stato italiano, desidera sempre più unirsi alle Brigate Rosse. Quando Giulia decide di andarsene definitivamente di casa, Nicola tenta di fermarla mettendosi davanti alla porta ma, trovandosi di fronte il volto disperato di una donna che si sente soffocata, si convince che il suo “voler impedire il male” non permette la libertà di quella donna. Leggi di più a proposito di “LA MEGLIO GIOVENTÙ”: TORNARE INDIETRO PER ANDARE AVANTI.

Ritornare per capire (Gv 21,1-19)

di Pietro Bonome, seminarista del VI anno Pietro ritorna al passato, ritorna al suo vecchio mestiere, quello di pescatore. Egli non sa far altro che quello; ancora non ha capito che il suo ruolo è annunciare a tutte le genti il Vangelo di Gesù Salvatore, il quale è morto e risorto. Lui come anche i […]